Salta al contenuto principale

Dal gruppo Facebook: la convenzione austro-sarda del 1° giugno 1844 - contributo di Marco Panza

Una lettera testimonia l'avvio della nuova convenzione postale tra Austria e Regno di Sardegna.

1° giugno 1844: primo giorno della convenzione tra Austria e Regno di Sardegna, di cui si parla anche nel testo della lettera.

Con essa si aboliva l'obbligo di affrancatura delle lettere che potevano essere spedite anche non affrancate, senza alcun aggravio rispetto a quelle in porto pagato.

Il territorio dei due Stati fu diviso in fasce, a seconda della distanza che intercorreva dal comune confine. Per l'Austria erano ARF (Austria Raggio Limitrofo) entro le 5 leghe austriache dal confine sardo, la sezione A1 entro le 20 leghe dal confine, la sezione A2 oltre le 20 leghe. Nel Regno di Sardegna le zone erano S1 fino a 10 leghe dal confine con l'Austria, S2 fino a 20 leghe, S3 oltre le 20 leghe.

Per ogni sezione attraversata furono stabiliti gli importi dovuti.

Le tariffe austriache di primo porto, (1/2 lotto viennese, ovvero 8,75 grammi) erano: ARF: 3 Kr. o 15 centesimi lombardo veneti, A1: 6 kr. o 30 cent., A2: 12 Kr o 60 cent., S1: 3 Kr. o 15 centesimi lombardo veneti, S2: 6 kr. o 30 cent., S3 7 kr. o 35 cent..

Le tariffe Sarde di primo porto (7,5 gr.) erano: S1: 2 soldi o 10 cent., S2: 4 soldi o 20 cent., S3: 6 soldi o 30 cent., ARF: 2 soldi o 10 cent., A1: 5 soldi o 25 cent.; A2: 10 soldi o 50 cent.

La tariffa era data dalla sommatoria degli importi delle due sezioni attraversate. Ovviamente la convenzione stabiliva anche le tariffe per gli scaglioni di peso superiori al primo porto.

La lettera riprodotta è stata scritta il 1° giugno e spedita il giorno 2 da Milano a Galliavola (Regno di Sardegna).

La lettera è partita da Milano, facente parte della sezione di raggio limitrofo austriaca, come indicato dal bollo ARF, mentre l'ufficio postale di riferimento nel Regno di Sardegna era Novara (S1), come testimoniato dall'impronta sul frontespizio della lettera. Pertanto, essendo una lettera pagata dal destinatario, l'importo pagato è di 4 soldi, così composto: ARF (soldi 2) + S1 (soldi 2) = soldi 4.


 

Ultimi articoli

Newsletter del 26 luglio 2020

Cari consoci,

L'Académie Européenne de Philatélie premia Cursores

La rivista “Cursores”, diretta con competenza e professionalità da Paolo Zavattoni e pubblicata dall’AISP, è stata insignita del prestigioso Prix AEP de la Presse Phil

Dal gruppo Facebook: una lettera "pesante" da Firenze a Venezia nel 1835 - contributo di Marco Panza

1835: da Firenze a Venezia.

Dal gruppo Facebook: "L'ultima peste d'Europa" - contributo di Fabrizio Delmastro

13 gennaio 1816, lettera da Livorno

Newsletter del 20 giugno 2020

Cari consoci,

Dal gruppo Facebook: dalla Francia al Giappone nel 1870 - contributo di Laurent Veglio

Negli anni Sessanta dell’Ottocento l

Avviso: rinvio del numero 25 di Cursores

Desideriamo informare i soci AISP e i lettori della rivista che, a causa della situazione eccezionale che stiamo vivendo, non sarà pubblicato nei tempi previsti il numero 25 di CU

Dal gruppo Facebook: dalla Francia alla Nuova Caledonia nel 1860 - contributo di Laurent Veglio

Presento una lettera imbarcata a Marsiglia il giorno 20 genn