Skip to main content
News

La nuova formula del catalogo Bolaffi: chiarezza matematica, trasparenza, velocità, portabilità: le parole d’ordine del nuovo Bolaffi

CatalogoBolaffi2014 Annunciato il 5 settembre a Milano, in occasione della presentazione dei cataloghi 2014, il Bolaffi. Il catalogo dei francobolli - Volume Italia vedrà la luce a fine mese. E sarà rivoluzionario. Nella forma: all’edizione cartacea completamente rinnovata, con immagini più dettagliate e grandi, più ricca di informazioni e di più immediata lettura, si affianca la versione digitale, multimediale, dinamica, del tutto innovativa. Nei contenuti: una formula algebrica mette ordine nelle quotazioni, emendandole da arbitrarietà e soggettività. E nella cadenza: se la pubblicazione del volume cartaceo è annuale, gli aggiornamenti della versione digitale (app e web) saranno invece in tempo reale. In attesa di saggiare la nuova ricetta, ecco gli ingredienti. Piano dell’opera di Roberto Bianciotto Quello in uscita a fine mese è il volume dedicato ai francobolli italiani (la pubblicazione del catalogo relativo ai francobolli di San Marino e di Vaticano è prevista in primavera; a seguire, ma comunque entro il 2014, il catalogo dei francobolli delle colonie italiane, dei possedimenti all’estero e di Trieste). Editorialmente l’opera, strutturata in tre grandi capitoli – Antichi stati italiani, Regno d’Italia, Repubblica italiana – è il frutto dell’accorpamento in un unico tomo dei primi due dell’edizione Flash 2013.Più dettagliatamente il primo capitolo – Antichi stati – mantiene l’ordine delle edizioni precedenti, censendo in ordine alfabetico Lombardo-Veneto, Modena, Napoli, Parma, Pontificio, Sicilia, Toscana. Il secondo – Regno – conserva la suddivisione in Precursori, Periodo antico, Periodo classico, Periodo moderno, cui fanno seguito tutti i francobolli di servizio, per chiudere con quelli della Repubblica sociale italiana. Il terzo capitolo – Repubblica – annovera gli esemplari dal 1946 in poi, distinguendo quelli di posta ordinaria e quelli di servizio. Decaduta la divisione per presidenze, l’unica cesura che si evidenzia è quella che riguarda le emissioni ante e post euro. Per facilità di consultazione e per garantire una maggiore organicità, nei capitoli Regno e Repubblica tutti i francobolli emessi per il servizio di posta aerea ed espresso che sono parte integrante di emissioni di posta ordinaria sono accorpati in quella serie (nel capitolo di posta aerea un rimando alla posta ordinaria segnalerà la loro presenza, come già avveniva per l’edizione Flash 2013). I francobolli naturali – cioè le varietà plausibili nell’uso postale – sono riprodotti in scala reale, catalogati e quotati anche in una sezione a se stante alla fine dei capitoli Regno e Repubblica (in Antichi stati sono invece segnalati all’interno delle serie ordinarie). Come già in passato, non rientrano nella catalogazione ufficiale né i francobolli con i codici a barre (oggetto di un collezionismo specialistico), né le ristampe (di serie come Donna nell’arte e Posta prioritaria, che si differenziano dal francobollo tipo solo per una diversa annualità), né le lamine metalliche (che riproducono i francobolli italiani, ma che di fatto non sono francobolli). Con l’unica eccezione dei foglietti Alti valori emessi fra il 1978 e il 1987, è stata operata una politica di razionalizzazione che esclude dalla definizione di foglietto quelli che presentano lo stesso esemplare ripetuto più volte. Tutti i foglietti rimasti tali sono quindi censiti in una sezione a loro dedicata alla fine dei rispettivi capitoli – Regno e Repubblica – ma sono inseriti cronologicamente fra le emissioni di posta ordinaria. Le quotazioni sono in euro per gli esemplari di prezzo inferiore a 5mila euro; l’indicazione è invece espressa in punti per quelli il cui valore è superiore a questa soglia. Il valore del punto è lasciato all’arbitrio del venditore; per Bolaffi nel 2014 è fissato a 100 euro. Le quotazioni sono passibili di aggiornamenti nel corso del tempo. Di tutti gli esemplari di Antichi stati e Regno è riportata la quotazione per le seguenti tipologie: gomma integra o (solo nel caso sia preponderante la reperibilità in questo secondo stato) con linguella, usato e su busta. Nel caso in cui venga espressa la quotazione per l’esemplare linguellato, un’indicazione permette di evincere l’ordine di grandezza dell’equivalente con gomma integra. Di tutti gli esemplari di Repubblica sono indicate unicamente le quotazioni per gomma integra e usato. Per quelli di maggiore rarità non è fornita alcuna indicazione finanziaria e il rimando è al catalogo Forum, che continuerà a uscire con cadenza periodica. La bussola per il mercato di Filippo Bolaffi Quando ci si trova in mare aperto, nel mezzo di una tempesta, capita di perdere l’orientamento. Ritrovata la calma, si ritraccia la rotta per proseguire la navigazione fino a un porto sicuro. La metafora marinara aiuta a comprendere la situazione contingente della filatelia italiana, che per motivi esogeni – la crisi mondiale – ed endogeni – il basso tasso di rinnovamento dei collezionisti e la congiuntura nazionale – negli ultimi tempi ha subito uno scossone, rendendo necessario un adeguamento dei prezzi di mercato. Ed è questo il proposito del Bolaffi 2014. Nella propria ambizione di trasparenza, la nuova versione del catalogo intende definire la corretta situazione del mercato filatelico e, grazie a una formula originale e al supporto offerto dalla multimedialità del web, porsi come la bussola più sicura per fornire le coordinate esatte nella catalogazione e valutazione della propria collezione.Alla base di tutto una formula algebrica, che definisce la quotazione corretta a seconda della qualità specifica di ogni pezzo. A questa soluzione si è giunti studiando attentamente le dinamiche di mercato di ogni singolo francobollo, serie, e individuando caso per caso il punto di incontro tra domanda e offerta. Per quanto riguarda la domanda, in alcuni casi si è osservato un drastico calo causato dalla paura per il futuro e dalla minore propensione all’acquisto dei beni cosiddetti voluttuari. Questi fattori hanno portato alla riduzione dei prezzi di alcune serie, che negli anni passati, sull’onda dell’entusiasmo, erano cresciuti più rapidamente. L’elemento più importante che ha portato al radicale cambiamento nella formulazione dei prezzi di quest’edizione non è stato però quello della domanda, bensì dell’offerta. Bolaffi rivoluziona il criterio di quotazione, sostituendo la precedente formula lineare p = q, che dagli anni Ottanta ha rappresentato in modo costante il rapporto fra p (prezzo) e q (qualità), con l’equazione p=aq2+bq, (dove a e b sono due variabili numeriche), rappresentata graficamente da una curva parabolica. A seconda dei diversi casi, la nuova formula algebrica identifica chiaramente un prezzo diverso per ogni specifico standard qualitativo. Questo è avvenuto perché l’attuale situazione di mercato ha evidenziato soprattutto un’offerta nettamente diversa a seconda della qualità, con conseguente spostamento del punto di pareggio. In generale, il mercato attuale è saturo di esemplari di bassa qualità, mentre quelli di alto livello continuano a scarseggiare. Un esempio: se oggi cento collezionisti volessero uno stesso francobollo e in vendita ce ne fossero altrettanti, tutti verrebbero accontentati a prescindere dalla ricerca di una qualità specifica. Dei cento esemplari offerti, però, circa la metà sono di qualità molto modesta, una quarantina di qualità media, solo dieci di qualità elevata. Con questo esempio si dimostra che non tutti i collezionisti che cercano l’alta qualità possono essere soddisfatti. Per questo motivo il prezzo non è più una funzione lineare della qualità, ma diventa un “prezzo parabolico”. Nei casi più clamorosi si verifica addirittura una penalizzazione rispetto al passato di tutti gli esemplari la cui qualità si ponga sotto la soglia del cento per cento; in altri la nuova formula comporta un incremento dei prezzi degli esemplari di qualità medio-alta e un abbassamento per quelli di qualità più bassa. Per ogni francobollo ed emissione sono state identificate equazioni specifiche, che a livello macro possono essere suddivise in specifiche curve tipologiche. Una buona notizia, per chiudere: nel Bolaffi 2014 ci sono anche casi di francobolli i cui prezzi sono saliti a prescindere dalla qualità, semplicemente perché la domanda è superiore all’offerta. Per questo motivo si è proceduto contemporaneamente a mantenere l’equazione lineare p = q e ad aumentare la quotazione della qualità cento per cento rispetto all’anno passato. Top & Flop di Matteo Armandi Alcune serie salgono, altre scendono; di alcuni francobolli viene valorizzata la qualità estrema, di altri anche quella medio-basso. Ecco alcuni esempi di come la nuova formula algebrica descrive il rapporto fra prezzo e qualità nei francobolli italiani. Regno di Napoli 20 grana rosa scuro Nell’edizione 2013 l’esemplare con tracce di linguella e di qualità 30% era quotato 3.780 euro, quest’anno 3.150. Lo stesso esemplare di qualità 90% vede invece un incremento dell’8% del suo valore. Italia – Periodo antico Sardegna-5 centesimi nero Penalizzato più nella qualità bassa, meno in quella alta, il 5 centesimi con tracce di linguella passa da 7.300 euro nel 2013 a 5.650 nel 2014 per esemplari di qualità 20%, e da 29.200 euro nel 2013 a 28.600 euro nel 2014 se di qualità 80%. Regno Manzoni È la serie che ha subito il maggior ribasso: del 19% per esemplari di qualità alta (80%), addirittura di oltre 50% per quelli di qualità media (40%). Luogotenenza RSI – 2 lire su 25 centesimi verde soprastampato in rosso Perde il 7% nella qualità media (40%), ma aumenta dell’8% nella qualità alta (80%). Pubblicitari Premiata l’intera serie: in qualità media del 30% passa da 18.900 euro a 20.000, con un incremento complessivo del 6%. Repubblica Democratica Calo del 50% per l’intera serie in qualità media (50%) e di circa il 20% per la qualità alta (80%). Multimedialità = Facilità di Marco Castellano L’etimologia italiana della parola informatica proviene dalla crasi di inform(ation electronique ou autom)atique. Con questo neologismo il francese Philippe Dreyfus, che per primo utilizzò nel 1962 il termine informatique (‘informatica’), voleva intendere il trattamento automatico dell’informazione mediante calcolatore naturale o artificiale. Cinquantadue anni dopo, il veicolo migliore per il trattamento automatico dell’informazione è il web. Ricevere risposte immediate alle proprie ricerche; navigare in velocità migliaia di francobolli, serie ed emissioni; trovare rapidamente informazioni puntuali e precise; riconoscere un francobollo solo inquadrandolo con una telecamera; rilevarne il prezzo tramite il corrispondente stato qualitativo visualizzandolo semplicemente in un grafico cartesiano: tutto su computer o tablet. Questa è l’innovazione 2.0 del nuovo catalogo Bolaffi 2014. Che offre due opportunità di consultazione: il sito web (www.catalogobolaffi.it), navigabile da qualsiasi browser, e la app scaricabile dall’Apple store e quindi utilizzabile (momentaneamente) solo su iPad. La struttura di entrambe le versioni è stata formulata per rispondere immediatamente alla funzione di ricerca, sia essa puntuale, per data, per periodo storico, per emissione, per tipo di posta. Il risultato è visualizzabile in tempo reale: tutti i riferimenti al francobollo o all’emissione, con l’indicazione dei dati tecnici, le quotazioni nei diversi stati di conservazione e – soprattutto – il grafico del prezzo in funzione della qualità espresso dalla funzione algebrica (che si ritrova anche nella parte cartacea), che grazie all’interattività del digitale, a ogni cambiamento della variabile qualità, restituisce immediatamente il valore ricalcolato. Più facile a farsi che a dirsi. Così come facilissimo e immediato è stato reso il riconoscimento dei francobolli; grazie all’utilizzo della telecamera del dispositivo mobile o del pc, il programma riconosce l’esemplare inquadrato e rimanda immediatamente ai dati relativi. Precisione, velocità, portabilità: 152 anni dopo la pubblicazione dei primi cataloghi del mondo, i loro autori Alfred Potiquet e Jean-Baptiste Moens sarebbero entusiasti. Look & Outfit di Roberto Graglia Nel progetto del Bolaffi 2014 la grafica gioca una parte rilevante. Esternamente, il formato è stato ridotto, sia pur di poco (215x285 anziché 215x290 mm), per essere compatibile con la versione per iPad. Quella che ha subìto la trasformazione più vistosa è stata la copertina: le versioni precedenti riproducevano un tappeto di francobolli relativi alle ultime serie emesse; in questa nuova edizione, invece, il 5 centesimi nero, primo francobollo d’Italia, è stato scelto come icona, e per questo motivo compare sia in primo piano sia come sfondo. In copertina compare ora per la prima volta anche l’indicazione del sito a conferma della multimedialità di questo nuovo prodotto editoriale. All’interno, i testi sono stampati in Signika, un carattere tipografico moderno e di facile lettura. Per distinguerli, titoli, sottotitoli, descrizioni e prezzi sono in tondo, le note invece in corsivo. Anche i colori agevolano la consultazione: nero per titoli, descrizioni e prezzi; grigio per sottotitoli, note e box; verde per la descrizione delle percentuali e per le fascette dei simboli. Anche il layout ha subito un rinnovamento: le gabbie di impaginazione sono disposte su due colonne per Antichi stati e Regno; corrono invece su tre colonne per Repubblica. Cambiata e migliorata anche la risoluzione delle immagini: i francobolli sono riprodotti in dimensione reale per i primi due capitoli– Antichi stati, Regno –, ridotti del 25 per cento per il capitolo Repubblica. Questa norma non si applica ai foglietti che, essendo di grande formato, vengono riprodotti al massimo nel formato colonna. E ancora: per rendere l’equilibrio compositivo delle pagine più armonico, anche i formati delle pubblicità sono stati uniformati. Infine, un’ultima novità: il fondo delle pagine non è più colorato, ma è bianco carta. Cover story tratta da Il Collezionista, gennaio 2014 (pp. 4-7) - Autori dell'articolo: Matteo Armandi è auctioneer delle Aste Bolaffi Roberto Bianciotto è responsabile coordinamento interaziendale Bolaffi S.p.A. Filippo Bolaffi è AD di Bolaffi S.p.A. Marco Castellano è responsabile ICT Bolaffi S.p.A. Roberto Graglia è AD di Scot e Quibus Edizioni

Ultimi articoli

AISP e RAHFHP: una collaborazione che si consolida

Sabato 16 dicembre 2023 si è svolto l'abituale incontro annuale organizzato da AISP e Unione Filatelica Lombarda. L'evento si è svolto presso l'Enterprise Hotel a Milano.

Le conferenze - i testi delle presentazioni

In questa sezione vengono pubblicati, in ordine cronologico e a beneficio esclusivo dei soci, i file pdf delle presentazioni che gli autori delle stesse hanno concesso ad AISP per la diffusione al

Conferenze e pranzo degli auguri 2023. La Real Academia Hispánica de Filatelia e Historia Postal ospite di AISP.

Sabato 16 dicembre 2023 a partire dalle ore 10 presso l’Enterprise Hotel, Corso Sempione 91, Milano si svolgerà un evento congiunto organizzato

Pubblicato il numero 32 di Cursores

Inizia in questi giorni la distribuzione ai soci del numero 32 della rivista Cursores, al solito ricco di articoli ad ampio spettro, capaci di soddisfare i gusti collezionistici dei

Assemblea straordinaria dei soci - 16 dicembre 2023

Milano, 16 novembre 2023  

AISP a Postgeschichte Live 2023

Si è svolta dal 26 al 28 ottobre l'annuale edizione dell'evento Postgeschichte Live 2023 presso la fiera di Ulm, città del Baden-Württemberg.

Newsletter del 23 ottobre 2023

Cari consoci,

Cursores - medaglia d'oro a IBRA 2023

È con vivo piacere che AISP comunica che la rivista da essa edita, Cursores, è stata premiata con la medaglia d'oro (90 punti) all'esposizione mondiale FIP IBRA 2023 svoltasi a Essen dal 25 al 28 m

Pubblicato il numero 31 di Cursores

Inizia in questi giorni la distribuzione ai soci del numero 31 della rivista Cursores, al solito ricco di articoli ad ampio spettro, capaci di soddisfare i gusti collezionistici dei culto